Considerazioni su  chi fa sacrifici                                                                                                      

A partire dal 1 febbraio 2005, l'imposta di bollo trimestrale applicata
per legge sul conto corrente č passata da 6,39 euro a 8,55 euro. Tale
addebito č imposto dallo Stato mediante Decreto Legge del 31/01/05 ed
applicato dalle Banche a tutti i conti correnti (naturalmente la cosa č
passata senza che se ne sapesse nulla, o forse sarebbe pių corretto
dire "nella generale indifferenza", occupati come siamo a seguire il
caso Unipol, le partite di calcio, le telenovelas, i gossip, i reality
tipo "grandi fratelli", "fattorie", "isole dei famosi" ed altri
programmi ad alto contenuto intellettuale).

Considerando almeno
30.000.000 di conti correnti in Italia (1 per ciascun lavoratore), ogni
mese lo Stato incassa con i bolli 21.600.000 euro in pių, 259 milioni
di euro all'anno pari a circa 500 miliardi di vecchie lire. Questa
cifra va dritta dai nostri conti alle casse statali e il nostro Silvio
si ciondola in tv parlando di pių soldi nelle tasche degli Italiani,"
grazie finalmente al controllo delle spese dello Stato necessarie per
far fronte alla riduzione delle Tasse".

Si consiglia di far girare
questa e-mail a tutti coloro che conosciamo, casomai qualcuno di loro
credesse ancora al Babbo Natale Berlusconi !